La Terra dei centenari in Ogliastra si riferisce a un’area situata nella parte centro orientale della Sardegna, sul Mediterraneo. Questa regione è stata identificata, dopo interessanti studi sulla popolazione locale, come “zona blu” assieme ad altre 4 zone al mondo: l’isola di Okinawa in Giappone, Nicoya in Costa Rica, l’isola di Icaria in Grecia e la località di Loma Linda in California.

Il perché del nome ha una spiegazione tanto semplice quanto pratica, infatti quando durante le ricerche, veniva riscontrato in un Comune un alto tasso di longevità, gli studiosi usavano segnare l’area su una carta utilizzando un pennarello o penna blu, definendo dunque una Blue Zone sulla carta.

La Blue Zone della Sardegna comprende diversi paesi montani dell’Ogliastra (Villagrande Strisaili, Arzana, Talana, Baunei, Urzulei, e delle Barbagie di Seulo. In altri paesi dell’isola i dati sono ancora in fase di analisi.

Infatti sono diversi i centri dell’isola dove si riscontrano persone centenarie.

L’alta concentrazione di centenari è stata attribuita a diversi fattori, tra cui la dieta tradizionale sarda, ricca anche di cereali integrali, verdure, frutta, legumi e derivati del latte, nonché il terreno accidentato della regione, che incoraggia l’attività fisica. Gli abitanti dell’Ogliastra sono noti anche per i loro forti legami sociali e familiari e questo si ritiene possa contribuire alla salute e al benessere generale.

Altri diversi e non secondari fattori, come i seguenti, sostengono la longevità, a partire dalla genetica, i ricercatori hanno infatti identificato diversi geni che sembrano essere associati al fenomeno.

Supporto sociale: forti connessioni sociali e reti di supporto possono fornire sostegno emotivo e pratico, che possono migliorare i risultati di salute e aumentare la durata della vita.

Fattori ambientali: anche fattori ambientali come l’inquinamento, l’accesso agli spazi verdi e l’esposizione alla luce naturale possono svolgere un ruolo positivo.

Infine, sia quanto già richiamato, che buoni comportamenti salutari, possono assumere un’importanza che può variare a seconda dell’individuo e della popolazione studiata.