TREKKING PUNTA LA MARMORA

TREKKING A PREDAS CRÀPIAS (PUNTA LA MARMORA) – VILLAGGIO NURAGICO DI RUINAS

Un trekking che porta sulla vetta più alta della Sardegna, lungo un sentiero agevole e senza particolari difficoltà tecniche, ma di notevole interesse paesaggistico, ambientale e storico culturale.

50€ a persona

Descrizione

Il percorso di avvicinamento in fuoristrada attraversa rigogliose leccete, imponenti paesaggi panoramici con vista sul Tonneri, lo spettacolare tacco calcareo e monumento naturale di Perda Liana e le anse del Rio Flumendosa. Non sono rare le occasioni di avvistare animali selvatici come Mufloni e Daini, di recente molto presenti anche sul Gennargentu.

Trekking adventure

Una volta lasciato il fuoristrada si risale inizialmente lungo un piccolo fiume, dove spesso l’acqua accompagna i passi con il suo suono rilassante e proseguire raggiungendo in cresta Punta Florisa, subito prima di Punta La Marmora, dove facilmente si possono osservare le due coste della Sardegna.

Jeep tour

Dopo la discesa si prosegue in fuoristrada per la visita del villaggio nuragico di Ruinas, il più alto della Sardegna, col suo nuraghe centrale, il pozzo e i resti delle 120 capanne.

Trekking Punta la Marmora

medium

Itinerario di media lunghezza con sentieri non sempre evidenti, escursione con impegno di almeno ½ giornata a cui si dovrà aggiungere l’eventuale tempo di trasferimento per raggiungere il punto di partenza. Si cammina in parte su sentiero tracciato, in parte in aree senza un sentiero ben definito.

Note: L’escursione a Punta La Marmora che proponiamo, prevede di passare dal versante del Gennargentu nel Comune di Arzana perché ancora poco frequentato e dunque molto interessante sotto diversi punti di vista.

Lunghezza: circa 9 Km
Dislivello: in salita 550 – in discesa 550

Informazioni necessarie:

  • Tipologia di esperienza nel trekking o camminata
  • Escursione possibile con un minimo di 4 persone o 3 quote

Attrezzature e abbigliamento necessario suggerito:

  • Scarponi da trekking
  • Abbigliamento comodo, possibilmente ci si dovrà vestire a strati (da valutare sulla base del meteo nel giorno dell’escursione). Nel periodo invernale può essere necessario avere una giacca a vento e vestiti antipioggia, oltre a bandana, capellini, cuffie o copricapo. Si suggerisce inoltre di portare vestiti di cambio da lasciare in auto.
  • Borraccia con acqua (almeno 1 litro a persona)
  • Eventuale panino o altro da mangiare, alimenti energetici come frutta secca, barrette, etc.

Cosa include il servizio:

  • Guida Ambientale Escursionistica
  • Eventuale trasferimento in fuoristrada (anche eventualmente con incontro e partenza in località della zona costiera compresa nell’area S. Maria, Tortolì o nei paesi montani di Arzana, Villagrande, Lanusei)
  • Aperitivo con formaggi, salsiccia, pistoccu e vino rosso.

Altri trekking che potrebbero piacerti

Fatto con passione da Fare Digital Media

Privacy Policy

Cookie Policy